Glossario
 
world artist
Kasimir Malevich


Kiev (Russia)

nascita: 1878 (Kiev)
morte: 1935 (Leningrado )
  Opere
 
 


il taglialegna
oil on  canvas,  94x71 cm, 1912

 


suprema pittura 9
oil on  canvas,  87x72 cm, 1915

 


un inglese a Mosca
oil on  canvas,  88x57 cm, 1914

 

Biography:

Kasimir Malevich (Kazimir Malevich) nasce nei pressi di Kiev nel 1878.
Dal 1902 studia all'Istituto di Pittura, Scultura e Architettura a Mosca, dove è allievo di Rerberg.
All'inizio della carriera dipinge opere a carattere naturalistico. Prende parte alle principali mostre dell'avanguardia in Russia e all'estero. Nel 1909 partecipa alla mostra dell'Associazione degli Artisti di Mosca (con Kandinsky e Larionov) e nel 1910 a quella del gruppo "Fante di quadri", ancora con Larionov. Nel 1911 diventa membro dell'Unione della Gioventù di Pietroburgo. Nel 1912 partecipa alla mostra del gruppo "Coda d'Asino".
Negli stessi anni inizia un'intensa sperimentazione con diversi stili. Al 1911 risalgono le opere a carattere neoprimitivista, dedicate a soggetti di ambiente contadino. Gli stessi temi appaiono nelle opere dell'anno seguente, ma più solide e corpulente. L'interesse nei confronti del cubismo è evidente, invece, nelle opere del 1913-14. Nel 1913, tra l'altro, disegna scene e costumi per l'opera cubo-futurista La vittoria sul sole du Kruchenych. Si dedica allo "alogismo" e allo "Zaum", il linguaggio transmentale ideato da Chlebnikov. Ma già si intravvedono le prime avvisaglie di quella semplificazione formale, che si concretizzerà nelle prime opere suprematiste.
Tra il 1914 e il 1915 dipinge il Quadrato nero su fondo bianco. In occasione della mostra "0.10: Ultima Mostra Futurista", tenutasi a Pietrogrado lo stesso anno, lancia il "Suprematismo". Contemporaneamente espone gli aspetti teorici nell'opuscolo Dal Cubismo e dal Futurismo al Suprematismo. Dal 1919 ne studia anche le applicazioni tridimensionali, realizzando modelli architettonici. Nel 1916 promuove il gruppo "Supremus", cui prendono parte anche Kljun, Pestel, Popova, Rozanova e Udalcova. Nel 1918 circa realizza Composizione suprematista: Bianco su bianco, una delle operazioni più radicali di tutta la storia dell'arte.
Dopo la rivoluzione Malevich, come molti altri artisti d'avanguardia, è appoggiato dal governo sovietico, che gli assegna vari incarichi sia in campo amministrativo che nell'insegnamento. Nel 1918 viene nominato membro del settore arti visive del Commissariato del Popolo. Contemporaneamente inizia ad insegnare agli Studi Liberi di Pietrogrado.
Nel 1919, dietro invito di Chagall, va ad insegnare all'Istituto d'Arte di Vitebsk, di cui diventa direttore. A Mosca, in occasione dell'anniversario della rivoluzione, va in scena Mistero buffo di Majakovsky, con la regia di Mejerchold, scene e costumi di Malevich. Dal 1919 al 1920, nell'ambito della "Sedicesima Mostra di Stato" incentrata sul Suprematismo e le varie correnti astratte russe, viene allestita una sezione apposita dedicata a Malevich, comprendente 53 opere. A Vitebsk nel 1920 dà vita a "UNOVIS", gruppo suprematista cui aderiscono Cashnik, El Lissitzky, Ermolaeva, Klucis e Suetin.
Dal 1922 al 1927 insegna allo INCHUK (Istituto di Cultura Artistica) di Pietrogrado. Nel frattempo riduce la produzione di opere pittoriche, dedicandosi al disegno di città e unità abitative, e alla realizzazione di modellini architettonici.
Nel 1927 espone a Varsavia, e in seguito a Berlino alla "Große Berliner Kunstausstellung". In Germania entra in contatto con molti artisti e architetti, tra cui Jean Arp, Naum Gabo, Kurt Schwitters, Le Corbusier. Su invito di Gropius, visita il Bauhaus, che per l'occasione pubblica il volume L'arte non oggettiva.
Nel 1929 viene allestita una sua personale presso la Galleria Tretjakov di Mosca. Ma a causa dei suoi rapporti con gli artisti tedeschi e del nuovo corso del regime sovietico, Malevich nel 1930 viene arrestato. Molti modelli, disegni e appunti finiscono distrutti. Rilasciato, comincia di colpo a realizzare opere di carattere "stranamente" figurativo. Contemporaneamente escono dallo studio svariate tele naturaliste datate ai primi anni '10, prima di allora assolutamente sconosciute...
Muore a Leningrado nel 1935.

 

Ultimo aggiornamento: martedì 21 Gennaio 2003
Visitatori dal 21/1/2003 : 36947



Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK