Glossario
 
world artist
Amedeo Modigliani


Livorno (Italia)

nascita: 1884 (Livorno)
morte: 1920 (Parigi)
  Opere
 
 


La piccola Marie
oil on  canvas,  62 x 50,5 cm, 1918

 


Nudo seduto con camicia
oil on  canvas,  92 x 67,5 cm, 1917

 


Jeanne Hébuterne
oil on  canvas,  46 x 29 cm, 1918

 


Cariatide in piedi
oil on  canvas,  81 x 45 cm, 1913

 

Biography:

Amedeo Modigliani nasce nel 1884 a Livorno, dove sin da ragazzo studia pittura sotto la guida di Guglielmo Micheli, un artista macchiaiolo. Frequenta poi le accademie di Firenze (libera scuola di nudo) e di Venezia, alla quale si iscrive nel 1903. Qui, alle prime Biennali, conosce le opere degli impressionisti. Tra i suoi soggetti preferiti spiccano immediatamente i ritratti e i nudi femminili, che saranno costanti nella sua opera. Dopo gli studi accademici, nel 1906, parte alla volta di Parigi. Qui Modigliani si interessa all'arte francese contemporanea, in particolare alla produzione grafica e pittorica di Toulouse-Lautrec e poi a quella di Cézanne, fondamentale per il suo percorso, e dei Fauves. Frequenta l'Académie Colarossi, come pure i luoghi deputati della cultura bohémienne, cioè Montmartre e Montparnasse, dove si incrociano i destini dei più importanti artisti dell'epoca, come Picasso e, soprattutto, lo scultore Brancusi, il cui influsso determina in lui l'attrazione per la scultura africana e primitiva. Nel frattempo, i suoi nudi, esposti in una mostra organizzata da Léopold Zborowski presso la galleria di Berthe Weill, provocano scandalo ma, anche, interesse negli stessi artisti. Nel 1907 viene introdotto al medico e mecenate Paul Alexandre, la cui conoscenza diviene un canale privilegiato per approdare agli ambienti artistici di primo piano, come il Salon des Indépendants, dove presenta cinque lavori. Dopo un’intensa produzione scultorea, della quale restano opere quali le Teste, nel 1914 Modigliani si rivolge esclusivamente alla pittura. In alcune tele di questo periodo si avverte l'impronta del linguaggio espressivo proprio del mezzo scultoreo, come in Cariatide rosa, del 1914. Nel repertorio iconografico dei suoi dipinti entrano, oltre ai personaggi della cerchia dell'artista, anche le persone comuni, soprattutto donne: cameriere, fioraie, persino mendicanti e, naturalmente le donne amate, alcune delle quali sono raffigurate nei celebri nudi. Muore a Parigi nel 1920, dopo una lunga malattia peggiorata dalla sua condotta di vita, alla quale non fu estraneo uno smodato uso di droghe e alcool.

 

Ultimo aggiornamento: giovedì 16 Gennaio 2003
Visitatori dal 14/1/2003 : 52871



Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK