Glossario
 
world artist
Giuseppe Sebastiano Devoti

Località SODERE 51
Canzano (TE) (Italia)

tel. 086158294
email: devoti.g@tiscali.it
  Opere
 


Alberi
acrilic on  cardboard,  20x30 cm, 2005

 


Cavalli della notte
acrilic on  cardboard,  40x35 cm, 2006

 


Cavalli pazzi2
acrilic on  board,  78x60 cm, 2006

 


cavalli pazzi333
mixed media on  board,  62x42 cm, 2006

 


Evolution
encaustic on  masonite,  35x25 cm, 2006

 


libano2006
acrilic on  cardboard,  40x35 cm, 2006

 


loricati
mixed media on  board,  80x50 cm, 2004

 


Madonna pagana
mixed media on  masonite,  60x40 cm, 2002

 


Mareggiata
ink on  paper,  20x30 cm, 1980

 


Mustang
acrilic on  cardboard,  40x35 cm, 2005

 


Nudo con luna
mixed media on  board,  50x80 cm, 2005

 


Portofino
ink on  paper,  50x70 cm, 1979

 


Studio del pittore
ink on  board,  21x23 cm, 2005

 


transumanza
mixed media on  board,  80x60 cm, 2004

 


trasferimento invernale
mixed media on  board,  40x30 cm, 2005

 

 

Biography:

GIUSEPPE SEBASTIANO DEVOTI:
Nato a Torino (TO) il 21-2-1941. Dirigente scolastico in pensione, si è trasferito in Abruzzo nel 2004. Abita e lavora a Canzano, località Sodere.
Diploma di Maturità Artistica conseguita presso l'Accademia Albertina di Torino, Laurea in Architettura conseguita presso il Politecnico di Torino
1960-1968 Liceo Artistico "Vittorio Veneto” di Torino titolare della catt. di decorazione e figura.
1972-1975 Politecnico di Torino coadiutore di cattedra di "disegno e rilievo". Esperienze in collaborazione con la "Sovrintendenza ai Monumenti del Piemonte e della Valle d'Aosta" di rilievo finalizzato al restauro di monumenti di rilevanza nazionale. Esperienze di restituzione fotografica di prospetti architettonici .
Ha partecipato a parecchie Mostre, soprattutto nel periodo dal 57 al 70, successivamente gli impegni professionali lo hanno distolto da queste Manifestazioni.
58 - Medaglia d’oro prima Rassegna Giovani Artisti patrocinio R.I.V. Villar Perosa (TO);
59 – Medaglia d’argento seconda Rassegna Giovani Artisti patrocinio R.I.V. Villar Perosa (TO);
60 - Comune di Mondovì (CN) Concorso di pittura quarto classificato;
61 - Comune di Chieri (TO) Estemporanea di pittura Medaglia di Bronzo;
63 - Rassegna Artisti Piemontesi Assessorato alla Cultura Comune di Torino;
65 - Citazione Rassegna Artisti Piemontesi Assessorato alla Cultura Comune di Torino;
69 - Pittura in piazza – Comune di Moncalieri (TO) - citazione della giuria;
73 - Rassegna di arte estemporanea Ippodromo di Vinovo Patrocinio Camera di commercio di Torino, Medaglia d’argento Camera di commercio;
74 - Rassegna di grafica e disegno Comune di Alassio (SV) - citato sulla rivista d’arte il Subbio;
91 - III Biennale d’Arte Estemporanea Collettiva “Maria Bruno” Bricherasio (TO).
06 - Rassegna artistica di “Ripattoni in Arte” Ripattoni (TE).

Curriculum vitae:

Le prime esperienze compiute di pittura risalgono agli anni 55 - 57 con produzioni paesaggistiche che presentavano atmosfere di languido romanticismo, da cui emergevano gia tratti moderni nell'uso, dei chiaro-scuri. Negli anni del liceo 58 - 59 questa tavolozza si rafforza prima dando corpo a opere tendenti all'astratto, sia pur con qualche reminescenza figurativa, tendenza poi indirizzata verso opere d'impronta surrealista. Negli anni dal 60 - 65 Con la frequenza alla Facoltà di Architettura e l'Insegnamento al Liceo Artistico si rafforza la tendenza verso elaborati grafici. I soggetti preferiti sono oltre ai nudi, i cavalli e le marine. Negli 70 - 90 la produzione tocca forme diverse di arte per stile e tecnica mantenendo però intatti i soggetti a lui cari. Nel 2005 ha intrapreso la scultura in pietra, che con la produzione pittorica e divenuta la fonte di produzione prevalente. Opere espressionistiche interessanti sono rappresentate nella serie dei cavalli pazzi (2005). In queste oltre a leggersi la spontaneità dei segni fortemente geometrici dal cupo contrasto coloristico, si può intravedere il sogno utopico racchiuso nel pensiero di un mondo libero ed energico, simboleggiato dalla dinamicità ideale dal cavallo che rappresenta l’interiorità primigenia del concetto pulsionale naturante , opposto all’atteggiamento esistenziale. Anche il centauro è una figura mitica rappresentativa del suo pensiero ontologico. L’essere ibrido posto tra la libertà del pensiero e la schiavitù della violenza, del vivere “Sociale”. In queste opere si legge l’irrequietudine dell’animo che nega l’affiliazione forzata ad un’idea ed al suo mantenimento, e l’angoscia nata dalla visione pessimistica di non poter modificare la realtà contingente. Esiste però nelle forme ricercate a volte quasi calligrafiche la tendenza alla ricerca di una nuova freschezza nel praticare l’arte, quasi il bisogno represso di cercare in questa quella pace che il mondo con i suoi atteggiamenti non è in grado di dargli.
Nel 2006 con alcuni Intellettuali e pittori Teramani ha fondato Il movimento PURAISMO che persegue l’interpretazione pura della realtà attraverso gli strumenti dell’espressione. Nelle opere di questa fase cerca di superare la pura enfasi espressionista nel tentativo di rendere, ancor più, "presente la presenza", ossia attualizzare ulteriormente le cose della storia. Ciò lo porta inevitabilmente ad esprimere la sua volontà d'affermazione in modo spontaneo ed immediato. L’atto pittorico rappresenta il risultato di una forma di agnosia, un vedere il mondo senza riconoscerlo quindi interpretalo per renderlo familiare. La differenza tra vedere e guardare evidenzia lo stesso dualismo metafisico tra l’apparire e l’essere. Il verismo accademico si spiega proprio nella scelta dell’apparire attraverso l’oggetto anziché dell’essere attraverso l’atto pittorico, quindi ripropone il nostro abitare visivamente nel mondo come approccio eracliteo: “Tutto scorre, tutto muta”, che presenta una visione in cui l’apparenza è dinamica, mentre l’oggettività rimane tragicamente cristallizzata. L’arte puraista di Devoti nasce nel mondo del cosalismo artistico ed è il trionfo introspettivo dell'apparenza artistica sulla realtà riconosciuta ove la purezza è raggiunta attraverso una libera, fantastica ed anarchica espressività al di fuori di ogni incasellamento stilistico. Questa tendenza emerge in modo dirompente nelle sue ultime opere e negli studi.
L’arte di Devoti va interpretata tra psicanalisi e razionalità, la fantasia in quest’artista è sempre imbrigliata dalla censura che il “SUPER IO” opera sulla sua sfera pulsionale.
La sua capacità tecnica fa emergere il piacere di osservare l'opera esteticamente valida, mantenendo la spontaneità del gesto nato dal bagaglio irrazionale del subconscio collettivo attraverso cui reinterpretare gli archetipi contenuti.
La produzione di Devoti, anche quando imita la natura, realizza il concetto Platonico che la pittura, produce copie di copie, in quanto la raffigurazione artistica della realtà visibile esprime la visione dell’idea di un’idea. Nel nostro caso infatti le cose raffigurate, idee della realtà, diventano copie ideali della stessa prodotte in modo unico ed originale, “Modus operandi” proprio del cosalismo moderno
La capacità della sua arte di interiorizzare prima di rappresentare le strutture essenziali del mondo reale ha con se il potere di produrre la “catarsi” operata dalla peculiare dignità ontologica della creazione artistica. Quest’arte si identifica dunque come via d'accesso autonoma all'idea concepita come la forma visibile e perfetta della soggettività delle cose, che proprio l'artista può cogliere e rappresentare con la forza della sua immaginazione ideale.

 

Ultimo aggiornamento: mercoledì 3 Gennaio 2007
Visitatori dal 22/12/2006 : 45379



Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK