Glossario
 
world artist
Piero Rasero

Via Bra, 23 Carmagnola (TO)
Carmagnola (TO) (Italia)

tel. 0039/0119722176
email: pierorasero@pierorasero.it
web: www.pierorasero.it
  Opere
 


Fioritura rigogliosa
oil on  canvas,  40x80 cm, 2006

 

 

Biography:

Piero Rasero è nato a Torino nel 1947
Vive o opera a CARMAGNOLA (Torino)
Via Bra n. 23
Tel. 011/9722176 – Cell. 3687215618
www.pierorasero.it
e-mail: pierorasero@pierorasero.it

Sat. Eutelsat - Hot Bird 13° est
Canale : CARPE DIEM
freq. 12539 - pol. orizz. - SR 27500

Canale SKY 932

dalle 21.00 alle 22.00
tutti i lunedì
fino alla fine di dicembre

In oltre 35 anni di attività ha allestito mostre a Massa, Marina di Massa, Viareggio, Prato, Viterbo, Bari, Lucca, Marina di Pietrasanta, Forte dei Marmi, Milano, La Spezia, Pisa, Brescia, Aosta, Lerici, Pinerolo, Torino, Rapallo, Piacenza, Sassari, Carmagnola, Loano, Padova, Verona, Cremona, Otranto, Ferrara, Saluzzo, Savigliano, Alassio, Amalfi, Parma, Firenze, Caserta, Bologna, Portofino, Monte Carlo, Parigi, Cannes, Vence (F), Londra, Birmingham (GB), Helsinki (FIN), Sharjah (EAU), New York, S. Diego (USA), Dublino, Cork (IRL) e in numerose altre città italiane e straniere.

Sue opere sono disponibili in permanenza presso le seguenti gallerie d’Arte:
“Saletta Celeghini”, via Valobra, 141 – Carmagnola (TO)
“Galleria l’Atelier”, via Ponte Pietra, 25/A – Verona
“Galleria La Fenice”, via Costa, 62/A – Sassari
“L’Archivolto”, Archivolto XXIV Maggio,0 – Loano (SV)
“Métiers d’Art Marchetti”, av. Des Poilus, 71 – Vence (F)
“Artincontri” via Nizza, 78/A – Torino
“Bellini Art Gallery”, La Jolla – S. Diego, Ca – (USA)
“Amici dell’Arte”, via Orsini, 210 – Soleto (LE)
“Galleria Diamante”, via Tapparelli, 25 – Savigliano (CN)
via Torino, 27 – Saluzzo (CN)
“San Giorgio”, p.zza Magnolia, 2 – Portofino (GE)
“Evvivanoè – esposizioni d’Arte”, via Vitt. Emanuele, 56 – Cherasco (CN)





Più di 400 pubblicazioni tra volumi d’Arte, enciclopedie, cataloghi e riviste specializzate riportano le sue opere e la sua attività. Citiamo per tutti i cataloghi nazionali “il Quadrato”, “COMED”, Arte moderna (Bolaffi)”, “Art Diary”, “Arte Mondadori”, ecc…


Hanno inoltre parlato di lui numerosi quotidiani e periodici quali La Nazione, Il Tirreno, Il Messaggero, Paese Sera, Il Secolo XIX, L’Unità, Il Giornale di Brescia, Brescia Oggi, Bari Sport, La Gazzetta del Popolo, Stampa Sera, Middlesex Chronicle, Hounslow Times, Il Biellese, La Libertà, La Prealpina, L’Eco del Chisone, Il Nuovo Giornale, Il Corriere di Chieri, La Gazzetta d’Alba, La Stampa, La Nuova Sardegna, Il Giorno, La Repubblica, Il Mattino, Il Giornale, Il Corriere di Caserta, Monaco-Matin, Nice-Matin, Evening Echo, radio e TV private terrestri e satellitari, TMC, la RAI, ecc.


Membro di autorevoli Accademie, ha ricevuto premi e riconoscimenti; numerose collezioni in Italia e all’estero annoverano sue opere, dal Canada al Venezuela, dalla Norvegia alla Spagna, come in Australia e negli Emirati Arabi.

Dell’attività di Piero Rasero si sono interessati critici, giornalisti e scrittori, tra questi ricordiamo Gerard Argelier, Claudia Bocca, Angela Canepa, Nietta Castrin, Massimo Centini, Ennio Concarotti, Andrea Diprè, Tersilla Gatto, Emanuele Lazzini, Paolo Levi, Mario Marchiando Pacchiola, Luciano Marcucci, Sara Merlino, Franco Mondello, Carlo Morra, Flaminio Novelli, Antonio Oberti, Alfredo Pasolino, Piero Perona, Michelangelo Romano, Enzo Santese, Gino Spinelli de Sant’Elena, Aldo Valleroni.

Curriculum vitae:

Piero Rasero scandaglia le potenzialità del rapporto tra l’idea di solarità e la natura nella resa di paesaggi, sistemati sul piano compositivo con un equilibrio di toni cromatici che danno voce alle presenze fisiche del quadro, in mezzo a un silenzio melodioso di quelle porzioni di natura. L’opera invita lo sguardo a distendersi dalle evidenze in primo piano sulle prospettive lunghe dell’orizzonte, dove luce e colore convergono in una sintesi dagli effetti seducenti.
L’artista muove dalla consapevolezza di fissare la realtà sulla tela imprimendole quel guizzo lirico che la sospende in una posizione di incanto per I luoghi evocati, ma soprattutto di estraniazione dal mondo fisico proprio partendo da quei medesimi siti. In questo la pittura di Rasero realizza quel tratto di congiunzione fra la memoria e la fantasia, tra le esperienze acquisite e le sorprese del contemporaneo, così come egli lo vive a contatto con il reale.
Enzo Santese
(da Arte – Mondadori - Novembre 2006)

Paolo Levi:
Piero Rasero si esprime tramite l'affrontare la bellezza del mare e le sue case assolate, estive, dove le bouganvillee avvolgono, in uno scialle rosso-giallo, i muri. Si direbbe che gli esterni di Rasero siano impregnati di un'atmosfera, di una sensibilità così segrete e toccanti per cui all'osservatore è chiaro quanta civiltà interiore vi sia in questi lavori, composizioni dov'è esaltata la semplicità della natura, mai declamata.
Dalle sue opere viene incontro un dolce presagio di serenità, grazie a una luce impalpabile e diffusa, intessuta da un senso di sospensione, di attesa misteriosa, di dolcezza calda, estiva.

Sara Merlino:
Una prospettiva di luci, ombre e colori dona profondità alle opere, modellando uno spazio fisico che appare in rilievo. I paesaggi si estendono così oltre i limiti fisici della tela, fino ad avvolgere e comprendere in sé l'osservatore, che è spinto ad appoggiarsi ai muretti assolati o cercare il fresco profumo dei cespugli in fiore, sfiorandone i petali.

 

Ultimo aggiornamento: martedì 18 Dicembre 2007
Visitatori dal 23/11/2007 : 22105



Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK