Glossario
 
world artist

Elenco voci

Salon des Indépendants
Salon des Refusés
Scuola di Barbizon
Scuola di Fontainebleau
Scuola di Norwich
Scuola di Parigi
Scuola di Posillipo
Scuola di Resina
Scuola Romana
Sei di Torino
Sezession
Simbolismo
Sintetismo
Spazialismo
Suprematismo
Surrealismo


Glossario

SCUOLA DI POSILLIPO

Agli inizi del seicento si era sviluppata in Italia una forte tradizione vedutistica riconosciuta a livello internazionale.
La città simbolo di questa tradizione è Napoli.
La prima metà dell'ottocento infatti riconosce Napoli come una delle principali mete dei Grand Tour, ovvero viaggi di studio e svago compiuti da intellettuali, studiosi ed artisti provenienti generalmente dall'Europa centro-nord.
Il clima artistico-culturale che si respirava in Posillipo favorì la nascita dell'omonima scuola.
Soggetto preferito dagli artisti dei membri di questa "scuola" era il paesaggio: un paesaggio non fiabesco, ma quello che coglieva l’occhio, il paesaggio dei Barbizon, anche se più solare.
Fra questi artisti si possono annoverare l’olandese Pitloo e Corot, uno dei più grandi paesaggisti di ogni tempo. Ma probabilmente il migliore interprete della sintesi fra la tradizione napoletana e i paesaggisti stranieri è Giacinto Gigante.
Il suo stile preciso che riproduce fedelmente la realtà segna gli anni iniziali del movimento.
In una fase successiva, soprattutto grazie all’operato dei fratelli Palazzi e di Domenico Morelli la “scuola” si orienterà verso una riproduzione meno descrittiva e soprattutto verso una tecnica costruita su pennellate più veloci ed ampie.


Pitloo, Corot, Giacinto Gigante, Fratelli Palazzi, Domenico Morelli


keywords
Scuola di Posillipo, paesaggistica, Posillipo, Napoli





Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK